Spedizione  gratuita per ordini superiori a 59
10% di sconto sul primo ordine per i nuovi registrati
Consegna anonima in 1-2 giorni lavorativi

Questi medici parlano del CBD per gli animali domestici: sentite le loro considerazioni

In questo articolo abbiamo riportato estratti di conversazione tra due medici della Veterinary Cannabis Society durante una conferenza. Quello che hanno da dire sugli effetti del CBD per gli animali domestici è davvero molto interessante. Le loro ricerche e studi potrebbero essere d’aiuto al tuo animale domestico, in particolare ai cani e gatti.

20/04/2022
Tempo di lettura: 6 min
Indice Articolo
Indice Articolo

In una conferenza organizzata a Reno, in Nevada, dall’American Holistic Veterinary Medical Association, un gruppo di veterinari che desiderano elevare la propria professione attraverso l’innovazione e l’istruzione, sono intervenuti due medici sul ruolo del CBD per gli animali domestici. 

I due medici di cui abbiamo deciso di riportare gli estratti sono Gary Richter e Trina Hazzah, co-fondatori della Veterinary Cannabis Society (VCS). Questa associazione si impegna per riunire veterinari, proprietari di animali domestici e aziende produttrici di cannabis per trovare modi sicuri ed efficaci con cui utilizzare la cannabis per i propri animali. In poche parole, il loro obiettivo è quello di ridurre la confusione e il conflitto che sono ancora molto presenti nel settore della cannabis veterinaria. 

Come spiegato dal dott. Gary Richter all’inizio del suo intervento, stanno “collaborando con le autorità e i legislatori per risolvere la miriade di problemi legali che la professione veterinaria attualmente riscontra con la cannabis. Questo vale sia per i prodotti di CBD a base di canapa, ma anche per i prodotti che hanno un THC più elevato”. 

Anche noi abbiamo parlato più volte degli effetti terapeutici dell’olio di CBD sugli animali. È una sostanza non psicoattiva e che non crea dipendenza utilizzata per calmare infiammazioni, dolori, insonnia, mancanza di appetito, problemi al cuore e ansia. 

Ma ora vediamo cosa dicono i dottori in merito all’uso del CBD per gli animali domestici

Il THC è tossico per cani e gatti?

cbd per gli animali come il cane

Una delle prime domande sollevata nel pubblico durante la conferenza è stata: avevo l’impressione che non si potesse dare il THC a cani e gatti perché è tossico. 

La dott.sa Trina Hazzah ha risposto:

Quando il THC viene dosato in modo appropriato può essere estremamente efficace. Come oncologo, molti dei miei pazienti con il cancro hanno assunto dosi molto elevate di THC, a volte 30 o più mg di THC due volte al giorno. E questo sembra folle, giusto. Se alcune persone assumessero quella dose, dormirebbero per una settimana. È un’arte portare i pazienti veterinari a quelle dosi così elevate. Non tutti gli animali domestici possono tollerare la stessa dose o lo stesso programma. Man mano che aumentiamo la dose nel tempo, i recettori CB1 si interiorizzano e si verifica la tolleranza. Quindi, è effettivamente possibile portare un paziente a quantità maggiori di THC se viene fatto con una guida adeguata.  

La cannabis è efficace nel trattamento delle convulsioni?

Una delle proprietà principali del CBD, tra le tante, è quella anticonvulsivante. Durante la conferenza una domanda è stata posta proprio su questo argomento, ossia: la cannabis è efficace nel trattamento delle convulsioni in cani e gatti?

Di nuovo ha risposto la dott.sa Hazzah:

Ci sono alcune prove sul fatto che il THC possa essere abbastanza efficace per le convulsioni, principalmente inibendo il rilascio costante di glutammato quando si lega al recettore CB1. Ma la maggior parte delle ricerche è stata condotta su prodotti a dominante di CBD o isolati di CBD, che sono molto efficaci per le convulsioni. Molto spesso, se hai intenzione di assumere THC, sarebbe in quantità bassa. Come sappiamo, esiste un effetto entourage, che in realtà è la descrizione dell’effetto sinergico di tutti i vari cannabinoidi, terpeni e flavonoidi presenti nel prodotto. Ci sono altri cannabinoidi e alcuni terpeni che hanno dimostrato di aiutare a calmare il sistema nervoso e hanno attività convulsivante. 

Ha poi continuato dicendo “Esiste uno studio clinico randomizzato che dimostra come i cani epilettici che hanno ricevuto un prodotto derivato dalla canapa a prevalenza di CBD hanno avuto una riduzione della frequenza media mensile delle crisi rispetto al gruppo placebo”. 

È intervenuto anche il dott. Richter che ha aggiunto

Ho pazienti che assumono farmaci antiepilettici e ho altri pazienti che stanno solo prendendo cannabis, erba, agopuntura, ecc. Ovviamente ogni paziente con una crisi è unico, come è unico il modo in cui risponde.

Quali sono i rapporti con gli acidi cannabinoidi?

Una domanda più specifica tra il pubblico ha sollevato la seguente questione: quali sono le differenze di efficacia o utilità tra THC e THCA e CBD e CBDA?

Essendo un punto tecnico, ci rifacciamo completamente alle parole della dott.sa Hazzah, che ha risposto nel seguente modo.

Iniziamo questa discussione con alcune informazioni sui rapporti e sulla terminologia. Un prodotto a dominanza CBD significa che contiene più CBD che THC. E in genere sarà una quantità elevata di CBD. Quando dico elevata di solito è 20 o 30 a 1, il che significa 20 o 30 parti di CBD e 1 parte di THC. E questi tipi di prodotti sono solitamente usati per convulsioni, per alcuni tipi di cancro, per l’ansia, l’infiammazione e l’artrite, che può variare da lieve a moderata. Il CBD ha oltre 65 bersagli, quindi non prende di mira solo i recettori CB1 e CB2 come il THC. Prende di mira molti altri recettori. Ecco perché vedi che questi prodotti derivati ​​dalla canapa funzionano così bene e sono pubblicizzati come efficaci per l'artrosi e le convulsioni nei cani. 

Ha proseguito dicendo che:

è uscito di recente uno studio veterinario sulla coltura cellulare nel cancro del cane. Esaminando CBDA e CBD, il CBD ha avuto un effetto antitumorale maggiore su cinque diverse linee cellulari tumorali nei cani rispetto al CBDA. Ma ancora una volta, è in una capsula di Petri (ricerca in vitro) e non in un paziente. Ci sono articoli che esaminano il THCA, il quale ha effetti antiemetici, anticonvulsivanti e antinfiammatori. È davvero unico nel suo effetto antinfiammatorio, cosa che il CBDA non fa perché il CBDA può fornire effetti antinfiammatori solo in parte. 

La dottoressa ha concluso dicendo che “Il CBG (cannabigerolo), sembra essere il cannabinoide di nuova moda”. 

Ma secondo lei non lo è. “Il CBGA è la madre di tutti i cannabinoidi” ha spiegato. “Il CBG è una molecola molto speciale in quanto ha profondi effetti antitumorali. Ecco dove penso che farà la sua magia. Inoltre, il CBG ha effetti di rilassamento muscolare. Quindi, per gli animali domestici con tensione muscolare dovuta al dolore o addirittura all'uretrite, potrebbe essere una molecola efficace”.

Ci sono differenze nel trattamento di cani e gatti?

cbd per gli animali come il gatto

È una domanda che si pongono in tanti. Si sente spesso parlare di CBD oil come di una cura efficace per il trattamento di disturbi e patologie negli animali domestici. Tuttavia, gli animali non sono tutti uguali. 

Il dott. Richter ha dato la seguente spiegazione:

Penso che l’unica differenza dal punto di vista della cannabis per i gatti rispetto ai cani sia che i cani mostreranno un tipo molto specifico di intossicazione da THC, l’atassia statica, che non si vedrà in un gatto. Per ragioni sconosciute, i cani hanno un numero davvero elevato di recettori CB1 nel loro tronco cerebrale, più delle persone e più dei gatti. Tuttavia, anche i gatti possono intossicarsi da THC, ma non si presenterà nello stesso modo. 

Ha poi specificato di aver avuto molta fortuna con i gatti durante i suoi anni di esperienza e pensa che se la cavino molto bene. Ha concluso dicendo che “se ottieni la formula giusta, quindi se stai usando un liquido, devi usare solo una o due gocce, perché è abbastanza concentrato. Trovo che funzioni alla grande ed è molto ben tollerato”. 

La scienza sta quindi facendo molti progressi nel campo della cannabis e, soprattutto, del CBD per gli animali domestici. I risultati sembrano già particolarmente incoraggianti e possiamo aspettarci altre scoperte positive per il futuro. 

Nel frattempo, se anche tu sei interessato al mondo della cannabis, visita subito il nostro shop e scopri tutti i prodotti a base di CBD che abbiamo pensato per te e per i tuoi amici a quattro zampe. 

Iscriviti alla nostra newsletter. 

novità e promozioni del mondo crystalweed!
Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

chevron-down