+39 3271385533
Fino al 31 maggio spendi almeno 79 euro e scegli 1 cosmetico in omaggio (Codice: COSGIFT)

Cosa affermano i medici riguardo al CBD

4 Dicembre 2023 alle 1:55
Tempo di lettura: 6 min

Negli ultimi anni, il CBD (cannabidiolo), un composto derivato dalla cannabis, ha guadagnato notevole popolarità a livello globale. Questo interesse è cresciuto in seguito a cambiamenti legislativi in diversi paesi, tra cui Italia, Germania e Francia.

La svolta italiana: la legge del 2016

In Italia, la svolta legislativa si è avuta con la legge del 2 dicembre 2016, n. 242. Questa legge nasce per la promozione della coltivazione e della filiera agroindustriale della canapa. (Cannabis sativa L.), riconoscendone i benefici ambientali e agricoli. Ha reso legale la produzione e la vendita di "cannabis light", con un contenuto di THC (tetraidrocannabinolo) inferiore allo 0,5%. Questa mossa ha aperto la strada a un mercato legale per prodotti a base di CBD, con un impatto significativo sull'industria e sulla percezione pubblica del cannabidiolo.

L'espansione in Germania e Francia

Anche in Germania e Francia si sono verificati sviluppi legislativi simili.

La Germania, tra l’altro, sta pianificando importanti cambiamenti riguardo alla cannabis ricreativa. Nel luglio 2023, il governo ha presentato una bozza di legge che permetterebbe l'autocoltivazione e la coltivazione non commerciale attraverso club di cannabis. Questa bozza di legge, nota come "Cannabis Act draft", prevede la creazione di club di cannabis non profit in tutto il paese, dove gli adulti potrebbero coltivare e consumare cannabis a scopo ricreativo. Gli adulti in Germania potrebbero coltivare fino a tre piante fiorite di cannabis a casa per uso personale, con l'obbligo di mantenere l'area di coltivazione sicura e inaccessibile ai minori. La bozza di legge prevede anche un programma pilota quinquennale a livello regionale per esaminare scientificamente gli effetti delle catene di fornitura commerciali sulla salute, la protezione dei giovani e il mercato illegale. Questa legge sta aumentando sempre più l’interesse verso il CBD.

In Francia, la vendita e il consumo di cannabidiolo (CBD) non destinato a scopi medici sono permessi. Il CBD non è considerato uno stupefacente né una sostanza psicotropa. È una sostanza presente naturalmente nella pianta di canapa, estratta e purificata per essere utilizzata in vari prodotti. Tuttavia, la cannabis ad alto contenuto di THC, è classificata come stupefacente e il suo uso è proibito.

L'encadrement principale per la coltivazione, la produzione industriale di estratti di canapa e la commercializzazione di prodotti che contengono CBD in Francia è stabilito nell'arrêté del 30 dicembre 2021. Questo arrêté è stato parzialmente modificato da una decisione del Consiglio di Stato del 24 gennaio 2022, che ha annullato il divieto di vendere fiori e foglie di canapa senza proprietà stupefacenti.

Tutte queste leggi e approvazioni hanno fatto si che i medici studiassero sempre più a fondo il CBD a scopo terapeutico. In questo articolo vogliamo proprio esaminare i pareri di questi esperti per far conoscere i loro pensieri al pubblico. Ma prima facciamo un ripasso storico.

Storia del CBD nella medicina

CBD medici opinioni

La storia del CBD nella medicina è affascinante e ricca di sviluppi significativi. La sua traiettoria, da antiche pratiche mediche a un riconoscimento crescente nella scienza moderna, sottolinea il suo potenziale terapeutico e la sua evoluzione nel tempo.

Origini antiche e uso tradizionale

La cannabis, da cui si estrae il CBD, ha una storia millenaria nell'uso medico. Molte culture nel mondo hanno utilizzato questa pianta per le sue proprietà curative. Ad esempio, in Cina, l'imperatore Shen-Nung nel 2737 a.C. descriveva i benefici della cannabis per disturbi come la stipsi, la gotta e il reumatismo. Anche in India, la cannabis è da sempre riconosciuta per le sue proprietà psicoattive e usata per trattare varie malattie.

Introduzione nella medicina occidentale

Nel XIX secolo, il medico irlandese William Brooke O'Shaughnessy introdusse la cannabis nella medicina occidentale. Durante il suo soggiorno in India, O'Shaughnessy condusse esperimenti sulla cannabis, scoprendo i suoi effetti analgesici e anticonvulsivi. Al suo ritorno in Inghilterra nel 1842, la cannabis iniziò a diffondersi come medicinale in Europa e negli Stati Uniti.

Scoperta e isolamento del CBD

Il CBD fu scoperto per la prima volta nel 1940 dal chimico americano Roger Adams, che riuscì a isolare il composto dalla cannabis. Tuttavia, fu solo negli anni '60 che gli scienziati iniziarono a studiare più approfonditamente il CBD. Gli scienziati israeliani Raphael Mechoulam, Yechiel Gaoni e Haviv Edery furono i primi a sintetizzare il CBD in laboratorio nel 1963, aprendo la strada alla comprensione dei suoi meccanismi d'azione e delle sue proprietà medicinali.

I pareri dei medici sul CBD

Piuttosto che pubblicare interviste, in questa sezione vedremo gli studi scientifici più significativi seguiti dai dottori.

Un fatto acclarato è che, in base a studi rigorosi condotti su centinaia di pazienti, il CBD si è rivelato un farmaco sicuro ed efficace per i disturbi convulsivi, in particolare nei bambini.

Nel 2018, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato l'uso di un prodotto a base di CBD purificato, commercializzato come Epidiolex, per il trattamento delle sindromi di Lennox-Gastaut e Dravet nei bambini.

Queste due sindromi rare, che si manifestano precocemente nella vita, causano un elevato numero di crisi frequenti e resistenti ai trattamenti tradizionali per l'epilessia. Il CBD, somministrato come soluzione orale Epidiolex, ha dimostrato di ridurre significativamente – oltre il 25% – la frequenza delle crisi in questi bambini, con il 5% dei pazienti che ha smesso completamente di avere crisi.

Il CBD è considerato dai medici un farmaco "promiscuo". Questo significa che potrebbe essere efficace nel trattamento di molteplici condizioni mediche. In termini più ampi, il CBD agisce su più processi dell’organismo, un fenomeno noto come polifarmacologia, e quindi potrebbe essere utile per diverse condizioni cliniche.

All'inizio del 2023, sono stati condotti o completati oltre 200 studi scientifici che esaminano l'efficacia del CBD sugli esseri umani in disturbi vari, come il dolore cronico, i disturbi da uso di sostanze, l'ansia e l'artrite.

In particolare, il CBD sembra agire come un agente antinfiammatorio e analgesico. Questo suggerisce che potrebbe essere utile nel trattamento di dolori infiammatori come l'artrite, mal di testa e dolori muscolari.

Il CBD mostra un promettente potenziale nell'ambito della terapia del cancro, sebbene non sia stato ancora approvato dalla FDA a questo scopo.

Il potenziale del CBD nel contesto oncologico è duplice.

Innanzitutto, esistono evidenze che il CBD possa uccidere direttamente le cellule tumorali, migliorando l'efficacia delle terapie tradizionali contro il cancro. Tuttavia, questo non significa che il CBD possa sostituire completamente queste terapie; i dati a riguardo non sono ancora definitivi.

In secondo luogo, grazie alla sua capacità di ridurre il dolore e potenzialmente l'ansia, l'aggiunta del CBD a un piano di trattamento potrebbe diminuire gli effetti collaterali e migliorare la qualità della vita dei pazienti oncologici.

Qui sotto una video intervista in inglese di due medici che danno la loro opinione sulla sicurezza dei prodotti a base di CBD:

I medici mettono in guardia i consumatori dall’acquisto di prodotti con CBD di scarsa qualità

Mentre il CBD prescritto dai medici è ritenuto sicuro se utilizzato secondo le indicazioni, altre forme di questa molecola potrebbero comportare dei rischi. Questo vale soprattutto per gli oli di CBD, caramelle e altri formati. L'industria degli oli di CBD, ad esempio, non è regolamentata e non è necessariamente sicura, poiché non esistono requisiti normativi che controllino il contenuto dei prodotti.

Inoltre, le affermazioni non supportate da studi scientifici rigorosi sono frequenti tra molti prodotti a base di CBD.

In un commento del 2018, un medico descrive i risultati del suo studio, pubblicato in olandese nel 2017. Il suo team ha analizzato campioni di prodotti a base di CBD ottenuti dai pazienti. Praticamente nessuno dei 21 campioni conteneva la quantità di CBD pubblicizzata; anzi, 13 avevano poco o nessun CBD e molti contenevano livelli significativi di THC, il composto della marijuana che provoca l'effetto psicoattivo - e che non avrebbe dovuto essere presente.

Infatti, gli studi hanno dimostrato che c'è poco controllo sui contaminanti che possono essere presenti nei prodotti in libera vendita. La FDA ha emesso numerose lettere di avvertimento a società che commercializzano prodotti non approvati contenenti CBD. I consumatori dovrebbero essere consapevoli dei rischi di composti sconosciuti nei loro prodotti o di interazioni non intenzionali con i loro farmaci su prescrizione.

Le linee guida normative per il CBD sono gravemente carenti. Più recentemente, nel gennaio 2023, la FDA ha concluso che il quadro normativo esistente "non è adatto per il CBD" e ha dichiarato che lavorerà con il Congresso per trovare una soluzione. In una dichiarazione, l'agenzia ha affermato che "è necessario un nuovo percorso normativo per il CBD che bilanci il desiderio delle persone di accedere ai prodotti a base di CBD con la supervisione normativa necessaria per gestire i rischi."

Quindi, quando acquistate prodotti a base di CBD, è fondamentale essere cauti. Il mercato è pieno di prodotti di qualità variabile, e quelli di scarsa qualità sono sempre dietro l'angolo. Prima di tutto, verificate la provenienza del CBD: è essenziale che provenga da fonti affidabili e controllate. Leggete le etichette per assicurarvi che indichino chiaramente la concentrazione di CBD e che non contengano THC oltre i limiti legali. Inoltre, cercate prodotti che abbiano certificazioni e analisi di laboratori indipendenti, che attestino la purezza e la qualità del CBD. Ricordate, un prodotto di buona qualità non solo è più efficace, ma anche più sicuro.

Iscriviti alla nostra newsletter. 

novità e promozioni del mondo crystalweed!
Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

chevron-down