+39 3271385533
10% OFF iscrivendoti alla Newsletter

Cannabis legale in Europa: focus sulla legalizzazione nel territorio europeo

In questo articolo ci focalizzeremo sulla legalizzazione della cannabis light in Europa. Scopri dove la cannabis è legale e dove no. Scrivi un commento in fondo alla pagina se vuoi dire la tua sull'argomento.

20 Febbraio 2024 alle 9:35
Tempo di lettura: 12 min

L'Europa sta attraversando un momento di riflessione e cambiamento riguardo la cannabis legale. Questo dibattito tocca molti aspetti, dalla salute pubblica alla sicurezza, dall'economia alla giustizia sociale. In alcuni paesi, la legalizzazione sta facendo passi da gigante, mentre in altri la discussione è ancora all'inizio.

La legalizzazione della cannabis non riguarda solo l'uso ricreativo. Ha a che fare anche con il CBD e altri prodotti derivati che, stando a molte ricerche scientifiche, offrono benefici senza gli effetti psicoattivi del THC. Questi prodotti stanno guadagnando popolarità per i loro potenziali benefici sulla salute, come il sollievo dall'ansia e il miglioramento del sonno.

L'importanza della legalizzazione va oltre il consumo personale. Economicamente, può portare a nuove opportunità di business e a un aumento delle entrate fiscali. Paesi che hanno scelto di regolamentare la vendita di cannabis stanno già vedendo benefici economici significativi. Ad esempio, la creazione di posti di lavoro e l'attrazione di turisti interessati a mercati legali.

Dal punto di vista sociale, la legalizzazione può contribuire a ridurre il crimine legato al mercato nero e a migliorare la sicurezza pubblica. Inoltre, offre la possibilità di un approccio più umano e scientifico alla dipendenza, considerandola una questione di salute pubblica piuttosto che un reato.

Tuttavia, la strada verso la legalizzazione in Europa è complessa. Le leggi variano notevolmente da un paese all'altro, riflettendo culture e atteggiamenti diversi verso la droga. Mentre alcuni paesi hanno adottato approcci progressisti, altri rimangono fermi sulle posizioni proibizioniste.

La discussione sulla cannabis legale in Europa è più attiva che mai. Rappresenta una sfida, ma anche un'opportunità per ridefinire le politiche sulle droghe in modo più equo ed efficace. Guardare alle esperienze dei paesi che hanno già intrapreso questo percorso può offrire preziosi insegnamenti su come superare gli ostacoli e massimizzare i benefici per la società e l'economia.

Cannabis legale: uno sguardo d'insieme

Parlare di cannabis legale significa entrare in un mondo di sfumature giuridiche e sociali.

Questo termine abbraccia diverse realtà: dalla decriminalizzazione alla legalizzazione, fino all'uso medico. Vediamo di capire meglio questi concetti.

  • La decriminalizzazione riduce le pene per il possesso di piccole quantità di cannabis. Non la rende legale, ma evita che i consumatori vengano trattati come criminali. In questo scenario, avere una certa quantità per uso personale non porta a condanne penali, ma può comportare sanzioni amministrative, come multe o nel caso dell’Italia al ritiro della patente di guida.
  • La legalizzazione, invece, apre le porte a un mercato regolamentato. Significa che lo Stato riconosce la legalità della produzione, vendita e consumo di cannabis, sotto determinate regole. Questo passo richiede un quadro normativo chiaro, per garantire che il mercato sia sicuro e trasparente.
  • L'uso medico della cannabis rappresenta un'altra faccia della medaglia. Qui, il focus è sugli effetti terapeutici. La cannabis viene prescritta da un medico per trattare specifiche condizioni di salute, come dolore cronico o epilessia. Questo uso è rigorosamente controllato e si basa su evidenze scientifiche.

Queste distinzioni sono fondamentali per comprendere il dibattito sulla cannabis. Ogni paese affronta queste questioni in modi diversi, riflettendo culture, preoccupazioni sociali e priorità politiche uniche.

Il panorama della cannabis legale è un tessuto complesso di leggi, normative e percezioni sociali. Ogni aspetto, dalla decriminalizzazione alla legalizzazione e all'uso medico, gioca un ruolo nel definire come società e governi approcciano questa pianta e i suoi derivati. La sfida è bilanciare la necessità di controllo con la volontà di ridurre i danni e sfruttare i potenziali benefici.

Nel dibattito sulla cannabis, si sente parlare anche di erba legale o marijuana light. Questi termini dallo stesso significato si riferiscono spesso a prodotti con bassi livelli di THC, il principio attivo che produce effetti psicoattivi. L'idea è offrire prodotti che mantengano i benefici del CBD, senza l’effetto "sballo".

La situazione della cannabis in Europa

cannabis legale in Europa

La situazione della cannabis in Europa mostra un continente in movimento, con leggi e regolamenti che variano notevolmente da un paese all'altro. Alcuni hanno fatto passi significativi verso la legalizzazione, mentre altri mantengono un approccio più conservatore.

La Germania, Malta e il Lussemburgo sono esempi chiave di questa tendenza verso il cambiamento. Ognuno di questi paesi offre una prospettiva unica sulle politiche di legalizzazione della cannabis in Europa.

In Germania, il governo ha annunciato piani per legalizzare la cannabis, rendendola uno dei primi paesi europei a compiere questo passo. Questa mossa mira a creare un mercato regolamentato, riducendo il mercato nero e migliorando la tutela dei consumatori​​. La Germania prevede di legalizzare l'acquisto e il possesso di cannabis per uso personale, con particolare attenzione alla regolamentazione della produzione e della vendita.

Malta, dal canto suo, è diventata il primo stato membro dell'Unione Europea a legalizzare completamente la cannabis per uso ricreativo. Questa legislazione permette la coltivazione domestica e il consumo personale, oltre alla creazione di associazioni (cannabis social club), dove i membri possono coltivare e consumare cannabis in forma associata​​. Malta rappresenta un caso studio importante per osservare come la legalizzazione completa possa essere implementata in un contesto europeo.

Il Lussemburgo segue una traiettoria simile, con piani per diventare il primo paese in Europa a legalizzare la produzione e il consumo di cannabis. Sebbene i dettagli siano ancora in fase di elaborazione, l'obiettivo è chiaro: ridurre il danno causato dal mercato illegale e fornire un accesso controllato alla cannabis​​.

Questi tre paesi dimostrano come l'Europa stia gradualmente spostandosi verso una maggiore accettazione della cannabis. Ogni approccio nazionale riflette una combinazione di obiettivi politici, preoccupazioni per la salute pubblica e desiderio di sfruttare i potenziali benefici economici e sociali della legalizzazione.

L'evoluzione delle politiche sulla cannabis in Europa segna un momento importante nel dibattito globale sulla droga. Con paesi come la Germania, Malta e il Lussemburgo che guidano la carica, potremmo presto assistere a un cambiamento significativo nell'atteggiamento verso la cannabis in tutto il continente.

In quali stati Europei è quindi legale la cannabis e in quali invece no?

In Francia, su richiesta della senatrice Catherine Conconne, la Divisione della Legislazione Comparata del Senato ha aggiornato lo studio LC 238 sulla depenalizzazione del consumo di cannabis per uso ricreativo, originariamente pubblicato nel novembre 2013.

Questo studio aggiornato esamina le modifiche legislative relative al consumo, possesso, vendita e coltivazione di cannabis negli otto paesi dello studio originale (Germania, Danimarca, Spagna, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito - Inghilterra - e Svizzera) e include ora anche tre paesi che hanno legalizzato la cannabis in tutto o in parte del loro territorio (Canada, Stati Uniti - California - e Malta). Come nello studio del 2013, non si considerano le disposizioni speciali per l'uso e la vendita di cannabis a fini terapeutici.

Negli ultimi dieci anni, pochi cambiamenti normativi si sono verificati nei paesi europei.

Tuttavia, il decennio è stato segnato dall'emergere di diversi modelli di legalizzazione e regolamentazione del cannabis in tre paesi americani (Canada, alcuni stati degli USA come la California e l'Uruguay), che hanno iniziato a influenzare gli stati europei. Malta, ad esempio, ha introdotto la distribuzione legale di cannabis per uso ricreativo nel dicembre 2021. Il governo tedesco ha annunciato l'intenzione di legiferare in materia nel 2022, mentre Paesi Bassi e Svizzera hanno autorizzato esperimenti di vendita regolamentata di cannabis ricreativa.

In Svizzera, la commercializzazione di cannabis, ad alto contenuto di THC, è considerata un illecito. Sono autorizzati unicamente i prodotti della canapa contenenti meno dell'1 per cento di THC. Secondo la legge federale svizzera sugli stupefacenti, il consumo intenzionale di qualsiasi sostanza stupefacente è reato, punibile con una multa. Tuttavia, la legge permette:

  • La sospensione del procedimento penale o l'esenzione dalla pena nei casi considerati lievi.
  • A partire dal 1° ottobre 2013, i consumatori di cannabis in possesso fino a 10 grammi di sostanza possono ricevere una sanzione diversa dal procedimento giudiziario: una multa di 100 franchi svizzeri (circa 100 euro). Questa multa deve essere pagata entro 30 giorni e viene considerata solo a fini amministrativi, senza tener conto dei precedenti.

In Portogallo e Spagna, la detenzione di cannabis è un illecito amministrativo. La legge portoghese del 29 novembre 2000 ha depenalizzato il consumo e il possesso, per uso personale, di tutte le droghe classificate a livello internazionale come stupefacenti, inclusa la cannabis. Al di sotto della soglia di possesso tollerata, corrispondente a dieci giorni di consumo (25 grammi di infiorescenze e 5 grammi di resina di cannabis), l'uso e il possesso sono considerati illeciti amministrativi e non più reati. Al primo fermo con possesso di cannabis, se la quantità posseduta non supera il limite legale, l'utente dovrà presentarsi entro 72 ore davanti a una commissione per la dissuasione della tossicodipendenza (CDT). Dopo tre colloqui, se la CDT ritiene che l'utente non sia in una situazione problematica, il procedimento viene sospeso; in caso di rischio "moderato" di uso problematico, può essere offerto supporto psicologico; se il rischio di uso problematico e dipendenza è considerato "alto" dalla CDT, il consumatore viene indirizzato a un centro di assistenza specializzato. Inoltre, oltre la prima interpellazione o in caso di possesso oltre la soglia tollerata o rifiuto del trattamento, l'utente rischia una multa amministrativa, il cui importo (da 25 euro a 150 euro) varia a seconda della situazione (luogo di consumo, abitudine o meno).

In Spagna, il consumo in luoghi privati non è vietato e il semplice uso o possesso a fini del consumo non sono considerati reati. Tuttavia, la legge organica sulla protezione della sicurezza civile del 2015 classifica il consumo e il possesso di stupefacenti - inclusa la cannabis - in luoghi pubblici come infrazione amministrativa grave, punibile con una multa da 601 euro a 30.000 euro. Il solo consumo, in assenza di recidiva, è punito con una multa di 601 euro, riducibile della metà se pagata entro 15 giorni dall'infrazione. Dal 2015, l'entrata in vigore della legge "mordaza" ha significativamente aumentato il numero e l'importo delle multe per consumo o possesso di droghe.

A Malta, dal dicembre 2021, il consumo di cannabis è consentito per le persone di età superiore ai 18 anni ma è vietato in luoghi pubblici - con una multa di 235 euro - così come in qualsiasi luogo, anche privato, dove si trovino minori (multa da 300 euro a 500 euro).

In Germania, Inghilterra, Danimarca e Paesi Bassi, il consumo di cannabis non è vietato dalla legge. In questi paesi, tutte le operazioni legate agli stupefacenti (detenzione, vendita, coltivazione, ecc.) sono proibite, ma questo divieto generale non fa riferimento al consumo.

Il possesso di una piccola quantità di cannabis per uso personale è consentito o tollerato nella maggioranza dei paesi. Tra gli undici paesi studiati, sei hanno depenalizzato il possesso di una piccola quantità di cannabis destinata all'uso personale, mentre negli altri paesi si incoraggia la polizia o i tribunali ad adottare un approccio adeguato nelle sanzioni, in base alla quantità posseduta. Il limite di possesso tollerato varia notevolmente da paese a paese.

Il possesso di cannabis non è un reato penale:

  • a Malta, dove il possesso è consentito fino a 7 grammi di cannabis secca e la detenzione a casa per uso personale è permessa fino a 50 grammi di cannabis secca. La detenzione fuori dalle mura domestiche di una quantità di cannabis dai 7 grammi a 28 grammi è un'infrazione amministrativa punibile con una multa da 50 euro a 100 euro. Oltre i 28 grammi, il possesso di cannabis rimane un reato penale;
  • in Portogallo se la quantità posseduta non supera il consumo medio di una persona per dieci giorni (stimato in 25 grammi di erba e 5 grammi di resina di cannabis).

Negli altri paesi studiati, direttive di natura non legislativa incoraggiano le autorità a non sanzionare il possesso di una piccola quantità o a comminare sanzioni leggere. In Germania, Inghilterra, Danimarca, Spagna, Paesi Bassi e Svizzera, il possesso di cannabis rimane penalmente perseguibile, ma in presenza di piccole quantità, la polizia o il giudice sono invitati ad abbandonare le sanzioni o ad attenuarle.

In Germania, le direttive dei ministeri della giustizia dei Länder raccomandano ai giudici di abbandonare le azioni legali o di non pronunciare sanzioni penali in caso di "piccola quantità" destinata all'uso personale. Nella maggior parte dei Länder, questo limite di possesso è fissato a 6 grammi di cannabis, contro i 15 grammi a Berlino.

In Inghilterra, la polizia applica una scala di sanzioni progressive in presenza di una piccola quantità di cannabis: in caso di prima infrazione e se la persona riconosce i fatti, la polizia può dare un semplice avvertimento e, in caso di recidiva, pronunciare una multa (penalty notice of disorder (PND)) di circa 100 sterline. La quantità minima è lasciata alla discrezione delle forze dell'ordine.

In Danimarca, le direttive del procuratore generale indicano che fino a 10 grammi di resina di cannabis o 50 grammi di infiorescenze, vi è una presunzione di detenzione per consumo personale. Questa detenzione può essere soggetta a un semplice avvertimento o a una sanzione pecuniaria (circa 70 euro).

Il codice penale spagnolo non considera il possesso di droga come un crimine, purché sia destinato all'uso personale e non al traffico illegale, fino a una quantità di cannabis fissata dalla Corte Suprema a 5 giorni di consumo, ovvero 25 grammi di resina e 100 grammi di erba. Tuttavia, la legge sulla protezione della sicurezza civile del 2015 considera il possesso come un'infrazione amministrativa grave, punibile con una multa di almeno 601 euro (o 300 euro, se pagata entro un certo periodo).

Nei Paesi Bassi, oltre al limite di 30 grammi fissato dalla legge oltre il quale il possesso di cannabis è punibile con una pena detentiva, le direttive del procuratore generale raccomandano, fino a 5 grammi, di archiviare il caso e, tra 6 grammi e 30 grammi, di comminare una multa di 75 euro o 100 euro in caso di recidiva.

Infine, in Svizzera, il limite di possesso per consumo personale è fissato a 10 grammi; in questo caso, è prevista una multa al posto del procedimento giudiziario.

Nei Paesi Bassi, la vendita e la produzione di cannabis costituiscono reati penali, ma, in pratica, dal 1976, la vendita è tollerata nei coffee shop, a condizione che rispettino le direttive del procuratore generale e/o le regole stabilite dai comuni. A livello nazionale, i coffee shop sono autorizzati a vendere cannabis, purché rispettino i seguenti "criteri di tolleranza":

  • non più di 5 grammi di cannabis possono essere venduti al giorno per persona;
  • è vietata la vendita di cannabis ai minori e i minori non possono entrare in un coffee shop;
  • è vietata la vendita di droghe pesanti e alcol;
  • è vietata la pubblicità dentro o fuori i coffee shop;
  • i coffee shop non devono causare disturbo pubblico;
  • il magazzino commerciale non deve superare i 500 grammi;

Il controllo di queste regole è esercitato a livello locale, dai comuni, che possono inoltre decidere di non autorizzare l'apertura di coffee shop, di limitarne il numero o di non applicare alcune direttive nazionali, come la condizione di accesso riservato ai residenti. Inoltre, la coltivazione di cannabis per uso personale è tollerata fino a cinque piante per nucleo famigliare.

Il modello di tolleranza olandese si basa così su un paradosso: la vendita di cannabis è tollerata ma la produzione e la distribuzione sono vietate. Questa situazione potrebbe evolvere a seguito dell'esperimento dei "coffee shop in circuito chiuso". Approvato dall'accordo di coalizione governativa del 2017 e autorizzato dal parlamento nel novembre 2019, questo esperimento prevede l'istituzione di un quadro legale per la produzione di cannabis per uso ricreativo, la cui qualità è controllata, e che sarà successivamente venduta attraverso i coffee shop dei dieci comuni partecipanti all'esperimento. Dopo notevoli ritardi e difficoltà legate alla selezione dei produttori, l'esperimento dovrebbe concludersi nel 2027.

In Spagna, la vendita di cannabis è un reato penale, punibile con una pena detentiva da uno a tre anni e una multa. Tuttavia, il possesso e la coltivazione per uso personale, in luoghi privati, non sono vietati. Questa situazione ha portato allo sviluppo, a partire dagli anni '90, di associazioni di consumatori di cannabis, organizzazioni private senza scopo di lucro, che coltivano e distribuiscono cannabis per i propri membri, teoricamente senza scopo di lucro.

Si stima che esistano tra 700 e 1.000 associazioni di consumatori di cannabis in Spagna, principalmente in Catalogna e nei Paesi Baschi. Di fronte al loro sviluppo incontrollato e ad alcune deviazioni (sviluppo di una logica imprenditoriale, turismo della cannabis, copertura di operazioni di traffico di droga), le comunità autonome di Catalogna, Navarra e Paesi Baschi, così come alcuni consigli comunali, hanno tentato di regolare il funzionamento di queste associazioni. Tuttavia, la Corte Costituzionale spagnola ha annullato le leggi regionali relative alle associazioni di consumatori di cannabis, ritenendo che queste disposizioni rientrassero nella competenza esclusiva dello stato centrale in materia di legislazione penale.

Ecco dove la cannabis è totalmente illegale in Europa

In Europa, numerosi paesi adottano una politica di rigorosa proibizione nei confronti della cannabis, escludendo la possibilità di un suo uso legittimo, sia per fini ricreativi che, in certi casi, terapeutici.

Di seguito, un elenco dettagliato:

  • Albania;
  • Andorra;
  • Bielorussia;
  • Bosnia ed Erzegovina;
  • Bulgaria (tuttavia, è stato autorizzato il commercio di prodotti a base di canapa industriale e altri derivati del CBD);
  • Estonia;
  • Finlandia (l'accesso alla cannabis a fini medici è consentito ma con forti restrizioni);
  • Grecia (si sta sviluppando un programma per la cannabis a scopi terapeutici);
  • Ungheria;
  • Islanda (è tuttavia consentito l'uso di CBD importato);
  • Irlanda (nonostante dal 2019 sia consentito l'uso della cannabis per trattamenti medici);
  • Kosovo;
  • Lettonia;
  • Liechtenstein;
  • Moldavia (anche se l'utilizzo di sostanze stupefacenti è considerato un illecito amministrativo);
  • Principato di Monaco;
  • Montenegro;
  • Macedonia del Nord (è però permesso l'utilizzo di cannabis light);
  • Norvegia (pur avendo depenalizzato l'uso di droghe);
  • Romania (è legale l'utilizzo di cannabis medica con una concentrazione di THC inferiore allo 0,2%);
  • Russia;
  • Serbia;
  • Slovacchia (ha comunque introdotto la legalizzazione del Sativex, un farmaco a base di cannabis, esclusivamente per il trattamento di sintomi legati alla sclerosi multipla);
  • Slovenia (l'accesso alla cannabis per fini medici è estremamente limitato);
  • Svezia (con un accesso ristretto alla cannabis per uso terapeutico);
  • Città del Vaticano.

Fonte articolo: https://www.senat.fr/lc/lc306/lc306.html.

Iscriviti alla nostra newsletter. 

novità e promozioni del mondo crystalweed!
Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

chevron-down