Spedizione  gratuita per ordini superiori a 59
10% di sconto sul primo ordine per i nuovi registrati
Consegna anonima in 1-2 giorni lavorativi

Sapevi che il CBD aiuta a migliorare la memoria e la concentrazione in modo naturale?

Il CBD è un prodotto naturale dai tanti benefici, tra cui quello di migliorare la memoria e la concentrazione durante le ore di studio o di lavoro. Questo perché il CBD è in grado di riequilibrare diversi processi fisiologici e cognitivi. Quindi vediamo insieme cos'hanno scoperto gli scienziati in merito alle proprietà benefiche del CBD per aumentare la concentrazione e la memoria.

02/02/2022
Tempo di lettura: 9 min
Indice Articolo
Indice Articolo

Stai cercando un rimedio naturale per migliorare la memoria e la concentrazione nello studio o nel lavoro? Devi sapere che diverse ricerche scientifiche hanno dimostrato che la soglia dell’attenzione dell’uomo odierno dura al massimo 8 secondi e che, fatto ancora più allarmante, è addirittura inferiore a quella di un pesce rosso. 

L’alternarsi inesorabile di impegni e distrazioni rende difficile concentrarsi sull’attività che si sta svolgendo e, di conseguenza, memorizzare un’informazione o un concetto. 

  • Dovresti studiare ma continui a controllare compulsivamente i social media sullo smartphone? 
  • Oppure, vuoi a tutti i costi concludere un progetto personale ma non riesci a trovare la giusta energia nemmeno per iniziare?

Tutte queste sono condizioni assolutamente normali nell’era moderna, soprattutto in ambito professionale. Il lavoro è diventato sempre più frenetico, con impegni e attività che si sovrappongono, e tutto ciò è nocivo per la concentrazione. 

Inoltre, non dobbiamo tralasciare le famigerate distrazioni

Quando la concentrazione non è al top, la mente cerca di sottrarsi allo sforzo con tutte le sue forze e per questo ti viene spontaneo controllare il cellulare o mangiare invece di concentrarti sul lavoro, o lo studio.

Per fortuna, esistono dei rimedi naturali ed efficaci.

Sapevi che le proprietà contenute nel CBD aiutano a migliorare memoria e concentrazione? Il CBD è una sostanza naturale dalle qualità davvero sensazionali perché è in grado di riequilibrare tantissimi processi fisiologici e cognitivi come il dolore, l’appetito, il sonno e persino la memoria. 

In che modo il CBD aiuta a migliorare memoria e concentrazione

l'olio di CBD aiuta a migliorare la memoria e la concentrazione in modo naturale

Il CBD, o cannabidiolo, è il principio attivo che viene estratto dalla pianta di cannabis. Le sue proprietà curative sono conosciute da migliaia di anni e sono state riscoperte dalla scienza recente che è sempre a caccia di rimedi naturali. 

Cos’è la cannabis? La cannabis, o canapa, è una pianta della famiglia delle Cannabacee. Ne esistono diverse tipologie, anche se in Occidente la più diffusa è la Cannabis sativa. 

Al suo interno si trovano tantissime sostanze tra cui minerali, proteine, vitamine, fibre, terpeni, flavonoidi, grassi essenziali e circa un centinaio di cannabinoidi. 

I cannabinoidi interagiscono con il sistema endocannabinoide presente nel sistema nervoso del corpo. Devi sapere infatti che l’organismo produce già di per sé una grande quantità di endocannabinoidi. Questi regolano i processi fisiologici e cognitivi del soggetto come, ad esempio, la memoria.

Capita però che il corpo non produca abbastanza endocannabinoidi e per questo motivo alcuni processi non funzionano come dovrebbero. 

È stato dimostrato che i cannabinoidi estratti dalla pianta di canapa hanno la stessa composizione degli endocannabinoidi. Possono quindi integrare gli endocannabinoidi aiutando la loro azione e riequilibrando così l’organismo. 

In poche parole, agiscono alla radice del problema!

Il CBD, lavorando sul sistema endocannabinoide, può quindi alleviare dolori anche forti, ridurre l’ansia e lo stress, migliorare il sonno, far recuperare l’appetito, curare le infiammazioni e agire sulla memoria e la concentrazione

Anche il THC interagisce con i recettori del sistema endocannabinoide, ma in modo diverso. 

Cos’è il THC? Il tetraidrocannabinolo, più comunemente chiamato THC, è il principio attivo psicoattivo della canapa. Le sue proprietà sono molto simili a quelle del CBD, ma mentre il THC interagisce con i recettori CB1 del sistema endocannabinoide, il CBD agisce sui recettori CB2

Vediamo in che modo.

Quali sono le proprietà neuroprotettive del CBD

Il cannabidiolo influenza memoria e concentrazione perché interagisce con la dopamina.

La dopamina è un importantissimo neurotrasmettitore che regola tanti meccanismi come il sonno, il movimento, il piacere e anche la memoria. 

Quando i livelli di dopamina sono bassi, lo sono anche la tua memoria e la tua concentrazione. 

A intervenire sulla neuroplasticità, quindi la capacità del cervello di trasformarsi, non è solo l’età ma anche le abitudini. Oggi le abitudini dell’uomo sono pessime, e questo porta a un deterioramento. 

Le proprietà neuroprotettive del CBD possono quindi aiutare le cellule a rigenerarsi migliorando così la memoria e la concentrazione. 

Inoltre, interagendo con il sistema endocannabinoide, il CBD riduce lo stress e l’ansia e aiuta il rilassamento. Questa azione ti permette quindi di non farti prendere dal panico nella gestione dei molti impegni quotidiani facilitando così la concentrazione. 

L’effetto neuroprotettivo si manifesta in particolar modo verso i recettori CB2, responsabili della risposta infiammatoria. Il CBD, agendo sugli stessi, può ridurre eventuali infiammazioni delle cellule aiutandole a riprodursi correttamente. 

Cosa dicono le ricerche effettuate a tal proposito 

Nonostante si conosca il CBD come rimedio naturale già da migliaia di anni, la ricerca sulle proprietà del CBD è abbastanza recente. È, infatti, solo da poco che i Paesi hanno iniziato a legalizzare il commercio della cannabis light.

Tuttavia, gli scienziati hanno già collezionato diversi studi sulle proprietà del CBD per migliorare la memoria e la concentrazione. 

Questi studi sono molto interessanti perché la credenza comune è che la cannabis danneggia la memoria invece di fortificarla. In realtà, la cannabis è un valido alleato per ridurre l’ansia e migliorare la concentrazione

Vediamo cos’hanno scoperto gli scienziati in merito. 

Effetti del CBD sulla memoria di riconoscimento

i cristalli di CBD aiutano a migliorare la memoria e la concentrazione

Per quanto riguarda gli studi sul CBD per migliorare la memoria, sul BioMed Central sono stati pubblicati i risultati di una ricerca preliminare per il Journal of Cannabis Research. Lo studio dimostra un collegamento tra l’azione del CBD e il miglioramento dell’attenzione e della memoria di lavoro. 

Gli scienziati hanno voluto analizzare la diversa azione di THC e CBD sulla memoria. È importante porre l’attenzione sul fatto che THC e CBD agiscono in modo diverso perché se il THC può causare dei disturbi di memoria, il CBD li guarisce. 

Per effettuare il test sono stati coinvolti trentadue consumatori regolari di cannabis che l’hanno testata con diversi livelli di THC e CBD. Gli interessati sono stati poi sottoposti a esami del sangue e a un test di memoria di riconoscimento verbale. 

Il test di memoria è stato effettuato sia prima dell’assunzione delle sostanze sia dopo. 

Gli scienziati hanno notato che la precisione della memoria è diminuita con l’aumentare del livello di THC assunto, mentre non ci sono state compromissioni con l’uso combinato di THC e CBD. 

Il CBD, infatti, non ha effetti sulle doti cognitive di individui sani. Ma è interessante notare che può, al contrario, migliorare i processi di attenzione, funzione esecutiva, memoria di lavoro e memoria episodica nel caso di problemi di memoria, anche associati a patologie.

Per questo motivo il CBD è stato considerato un valido trattamento in caso di disturbi cognitivi, anche gravi, come nel caso di schizofrenia, Alzheimer, infiammazioni o encefalopatia.

Effetti del CBD sul flusso cerebrale e relazione con la memoria

Sul Journal of Psychopharmacology è stato pubblicato uno studio recente, realizzato nel 2020, che ha dimostrato come il CBD interagisca sul flusso cerebrale aumentando la memoria.

L’obiettivo era quello di studiare come il CBD riuscisse a influenzare il flusso sanguigno cerebrale all’interno delle regioni coinvolte nell’elaborazione della memoria per trovare un rimedio a disturbi o patologie che comportano un’elaborazione alterata. 

Inoltre, gli scienziati volevano dimostrare se ci fossero differenze nelle prestazioni dei compiti di memoria lavorativa ed episodica nel momento in cui il CBD interagisce con il flusso sanguigno cerebrale. 

I risultati emersi dalla ricerca sono stati positivi. Hanno suggerito agli scienziati che effettivamente il CBD aumenta il flusso sanguigno cerebrale nelle regioni coinvolte nell’elaborazione della memoria. In particolare, all’interno dell’ippocampo

L’ippocampo si trova sotto la corteccia cerebrale ed è determinante non solo nella formazione delle memorie esplicite e nella navigazione spaziale, ma anche nella trasformazione della memoria da breve a lungo termine

È anche emerso, durante i test di memoria, che i tempi di reazione sull’attività si sono ridotti.  

Ciò significa i meccanismi secondo i quali opera il CBD sarebbero potenzialmente utili per il trattamento di molte patologie dove vi è un’alterazione dell’elaborazione della memoria come schizofrenia, Alzheimer o disturbo da stress post traumatico. 

Effetti del CBD sulla concentrazione

l'olio e i cristalli di CBD aiutano a migliorare la memoria e la concentrazione

Finora abbiamo parlato degli studi sul CBD per migliorare la memoria, ma che dire della concentrazione? Sul National Center for Biotechnology Information è stata pubblicata una ricerca che spiega i potenziali effetti del cannabidiolo come agente di promozione della veglia. 

Non esistono molte ricerche sulla correlazione di CBD e concentrazione; tuttavia, quest’ultima è scarsa nei momenti di sonnolenza e di abbassamento delle energie. Secondo lo studio appena citato, il CBD dovrebbe indurre lo stato di veglia per facilitare, di conseguenza, la concentrazione. 

Lo studio si è soffermato, in particolare, sull’ipotesi che il CBD moduli il ciclo sonno-veglia.

In realtà, sono diversi gli studiosi che hanno riscontrato una diminuzione del sonno a seguito di una somministrazione sistematica di CBD. Anche in soggetti che soffrivano di insonnia grave. 

È stato dimostrato che il CBD lavora sull’ipotalamo, il quale gioca un ruolo chiave nella modulazione della fase di veglia. Inoltre, agisce su agglomerati neuronali del cervello chiamati nuclei del rafe.

Sono stati presi in considerazione diversi disturbi del sonno come dissonnia (difficoltà a prendere e mantenere il sonno), parasonnia (disturbi di risveglio), disturbi legati a patologie mentali o neurologiche e altri disturbi.

La conclusione è che il CBD agisce positivamente nel trattamento di diverse condizioni di salute, sia di natura psichiatrica che neurodegenerativa; quindi, è plausibile supporre la sua efficacia anche in caso di sonnolenza

Quali prodotti contengono CBD per migliorare la concentrazione

Il mondo della cannabis light offre una notevole varietà di prodotti a base di CBD per migliorare la memoria e la concentrazione.

In poche parole: hai solo l’imbarazzo della scelta!

  • Un prodotto particolarmente apprezzato e dalle proprietà sconfinate è l’olio. L’olio di CBD viene commerciato in diverse formule, ma è nella variante broad spectrum che dà il meglio di sé. L’olio di CBD broad spectrum non contiene solamente cannabidiolo ma anche le sostanze naturali di cui abbiamo parlato all’inizio, cioè minerali, vitamine, proteine, fibre, terpeni, flavonoidi, grassi essenziali e altri cannabinoidi. Tutte queste sostanze lavorano in sinergia creando il cosiddetto entourage, con proprietà di molto superiori rispetto a quelle del CBD isolato. 
  • Un’altra valida soluzione è rappresentata dalle infiorescenze di CBD, che non sono altro se non i fiori prodotti dalla pianta di canapa. Ne esistono moltissime tipologie e sono interessanti perché la resina che li ricopre è ricca di CBD. Le cime non solo presentano delle caratteristiche chimiche differenti ma anche una varietà di profumazioni diverse. 
  • Infine, se stai cercando un prodotto con un’elevata concentrazione di CBD, devi orientarti sui cristalli. Questi ultimi contengono CBD al 99,8% nella sua forma più pura e vengono ottenuti attraverso l'utilizzo di CO2 così da non intaccarne la qualità.

Ora conosci tutte le proprietà del CBD per migliorare la concentrazione e la memoria. Sul nostro shop online trovi i prodotti di cui abbiamo parlato poco fa e tantissimi altri a base di cannabis light, tutti firmati Crystalweed. 

Iscriviti alla nostra newsletter. 

novità e promozioni del mondo crystalweed!
Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

chevron-down